Circa il 10% del parco immobiliare italiano è destinato alle attività di ufficio. Il tempo di lavoro previsto per lo svolgimento di queste attività è di almeno otto ore, per cinque giorni a settimana, per undici mesi circa all’anno.

Approssimativamente, il 30% dei consumi energetici necessari sono legati all’illuminazione, il 25% dei consumi riguarda il sistema di riscaldamento, il 16% di energia è utilizzata per il funzionamento di pc, stampanti ed altre apparecchiature, mentre il restante 29% dei consumi riguarda l’uso dei climatizzatori, il riscaldamento dell’acqua ed altro ancora.

Il consumo eccessivo di energia pesa sia sulle tasche dei proprietari e gestori delle attività che sull’ambiente. Basterebbe seguire delle piccole regole, adottando uno stile di vita volto a favorire la riduzione dei consumi e soprattutto degli sprechi energetici.

Illuminazione

  • Scegli una posizione strategica per la postazione di lavoro al fine di usufruire della luce del sole;
  • Utilizza le lampade led: durano di più e consentono un notevole risparmio rispetto alle vecchie lampadine;
  • Ricordate di spegnere le luci tutte le volte che usciamo dall’ufficio, dal bagno, sala riunione o utilizzate dei sensori di movimento per l’accensione delle luci.

Stand-by

  • Le apparecchiature in stand-by sono apparentemente spente! lo stand-by continua ad utilizzare energia (circa il 10% dei consumi delle apparecchiature), quindi staccate tutti i dispositivi elettronici, trasformatori e prese che potete.

Sistemi di climatizzazione

  • La temperatura media di un ambiente chiuso dovrebbe essere di circa 18/20° in inverno e non al di sotto dei 24/26° in estate. Tenete d’occhio la temperatura selezionata e fate molta attenzione a non lasciare porte e finestre spalancate al fine di non disperdere il calore (in inverno) o l’aria fresca (in estate;
  • Spegnete l’aria condizionata almeno mezz’ora prima di lasciare l’ufficio.

Computer

  • Abilità la funzioni stand-by dopo pochi minuti di inattività;
  • Disattiva lo screensaver
  • Stacca la spina a fine giornata: il pc assorbe energia anche da spento.

Stampante

  • Abilità la funzione risparmio energia
  • Stampa tutti i documenti utili in un’unica sessione, così da non surriscaldare la stampate più volte nell’arco della giornata
  • Preferite la stampa a bassa risoluzione;
  • Spegnete la stampante a fine giornata.

Tanti piccoli consigli che ci permetteranno di ridurre i consumi anche del 50%.
Ricordiamo che il maggior dispendio di energia deriva proprio dalle cattive abitudini: facciamo un piccolo sforzo! Si risparmia denaro, si rispetta l’ambiente e, dunque, anche noi stessi!